News

SEAT: presente radioso, futuro elettrico

Alla conferenza di bilancio per i risultati del 2017, il brand spagnolo ha tracciato un quadro molto positivo di quanto fatto finora. E presentato un piano ambizioso per il 2020

di Claudio Mastroianni -
Seat-Risultati-Finanziari-2018

Ottimismo e soddisfazione.

Se dovessimo pensare a due parole chiave per descrivere la conferenza stampa con cui SEAT ha annunciato i risultati finanziari del 2017, dovremmo usare queste.

“Soddisfazione” perché quanto raggiunto dal marchio spagnolo del Gruppo Volkswagen lo scorso anno è molto, è molto positivo ed è frutto di un lavoro attento di posizionamento nel mercato e di offerta prodotto. “Ottimismo” perché gli anni a venire sembrano riservare promesse ancora più ambiziose, espansione, ulteriore ammodernamento.

News

La Seat di Luca De Meo: siamo un marchio del Sud

Il Presidente del brand spagnolo ci ha raccontato il suo approccio al marchio, e la strategia futura per portare Seat al centro del mercato automotive

Seat e il 2017: i risultati finanziari

“Il 2017 è stato nuovamente un anno di record per SEAT”, ha esordito Luca De Meo (Presidente del marchio dal 2015).

E “nuovamente”, qui, è la parola importante perché i risultati del 2017 vanno a confermare un trend decisamente positivo per il marchio spagnolo, già visto lo scorso anno: una crescita del fatturato di quasi il 50% nel giro di 5 anni, con un risultato di 9.552 milioni di euro (+11,1% rispetto ai 8.597 milioni di euro del 2016).

Cifre raggiunte – e in SEAT non si fanno problemi a sottolinearlo – grazie ai nuovi prodotti lanciati nel corso degli ultimi due anni (Ateca e Arona in primis), che hanno alzato i guadagni medi per singolo modello, dai 12.640 euro del 2013 ai 14.270 del 2017.

Ma è tutta la line-up di prodotti SEAT ad aver “ingranato”, grazie a una gamma giovane e capace di attrarre un target di clienti mediamente più giovane (10 anni in meno) rispetto alla media del mercato. Una gamma che ha portato a un totale di 468.431 unità vendute nel 2017 in tutto il mondo, con la Germania a costituire il mercato principale con 102.100 modelli venduti. Più che in Spagna, con 95.063 Seat vendute (mentre l’Italia è il settimo mercato del marchio con 18.068 vendite).

I dieci mercati di Seat
Germania102.100
Spagna95.063
Regno Unito56.151
Messico24.681
Francia24.225
Turchia20.718
Italia18.068
Austria17.518
Polonia11.124
Svizzera10.335

Il futuro di SEAT: un modello ogni 6 mesi (andando verso l’elettrico)

Risultati positivi che, come dicono in SEAT, si riflettono anche in un cospicuo investimento nella ricerca e sviluppo di nuovi modelli, nuove tecnologie, nuove opportunità di business.

Da questo punto di vista, i piani del brand “Created in Barcelona” sono molto ambiziosi, grazie a un invesitmento che nel 2017 è stato pari a circa il 10% del fatturato: 962 milioni di euro, 100 milioni in più rispetto al 2016.

È lo specchio di una SEAT ottimista, che crede fermamente nelle sue possibilità future. Come ha dimostrato il lancio recentissimo del brand Cupra, e come testimoniato anche dalla dichiarazione di voler lanciare – da qui al 2020 – un nuovo modello ogni 6 mesi: si parte dalla già vista (e apprezzata) Cupra Ateca e si continuerà nel 2018 con il lancio della nuova D-SUV Seat Tarraco, per poi andare avanti nel 2019 con la nuova Leon in versione 5 porte e ST.

Queste ultime – grazie alla presenza di una versione ibrida plug-in con un’autonomia “di almeno 50Km” – rappresenteranno un primo segno dell’elettrificazione che SEAT ha intenzione di far partire nel 2020, anno che vedrà il lancio del primo modello spagnolo 100% elettrico.

Anteprime

Seat D-SUV: confermata la sorella maggiore della Ateca, arriverà nel 2018

Sarà a 5 e 7 posti, e secondo De Meo diventerà un modello bandiera del consolidamento del marchio spagnolo

Come sarà il futuro di SEAT, quindi?

Luca De Meo ha tracciato un percorso costituito da quattro pilastri, tutti incentrati sull’idea del “più”:

  • “Più brand” – Oltre al già citato Cupra, SEAT continuerà il suo lavoro di costituzione di una galassia di marchi specializzati in vari aspetti del business automotive. Si parla ad esempio di XMOBA – visto al Mobile World Congress 2018 – che si concentrerà sulle iniziative di mobilità futura, ma anche del Metropolis:Lab che concentra a Barcellona numerose start-up.
  • “Più mercati” – SEAT lavorerà nel corso dei prossimi anni a una ulteriore internazionalizzazione dei propri mercati di riferimento, per liberarsi – come sottolineato da De Meo – dalla dipendenza dall’Europa. Si parla ad esempio del Sud America, ma anche di Cina e Nord Africa.
  • “Più auto” – Vedi sopra: una offensiva di prodotto molto ricca da qui al 2020.
  • “Più energie” – Non solo benzina, non solo elettrico (su cui il brand punta solo relativamente, per ora, con un approccio molto pragmatico sul tema), ma anche gas naturale e biogas. “Stiamo guidando il progetto di sviluppo tecnico delle auto a metano all’interno del gruppo Volkswagen. La Arona TGI, che lanceremo quest’anno, sarà l’unico crossover al mondo alimentato a metano”, ha sottolineato De Meo.

Se questa strategia funzionerà potremo vederlo soltanto nel corso dei prossimi anni. La scommessa maggiore – soprattutto nel mercato italiano – è quella del brand Cupra, che dovrà farsi apprezzare dal pubblico e potrebbe, sulla carta, portare nuova linfa economica a una SEAT che sta facendo degli investimenti per il futuro la sua cifra stilistica.