News

Seat, con Telefonica il progetto di guida assistita con 5G

Vetture e infrastrutture dialogano tra loro in tempo reale attraverso la rete mobile. Per i test è stata utilizzata una Ateca

ShowPublicPhoto

Seat guarda al futuro e presenta insieme a Telefonica il primo tassello del progetto Città Tecnologiche in 5G, che prevede l’interconnessione tra veicoli e infrastrutture attraverso una tecnologia che permette lo scambio di informazioni. Parliamo, dunque, di un primo passo verso la mobilità di comunicazione veicolare V2X su reti mobili in un contesto urbano reale.

Test su strada con un’Ateca

Per effettuare alcuni test – svolti in collaborazione con Ficosa (che ha sviluppato il dispositivo di comunicazione), Sice (fabbritante e somministratore dell’infrastruttura) e Nokia (responsabile dello sviluppo del server MEC) – il marchio ha utilizzato una Ateca dotata delle ultime tecnologie per la connettività, opportunamente modificata per poter essere in grado di inviare avvisi al conducente attraverso il quadro strumenti. Per rendere il tutto più efficiente è stato fondamentale l’utilizzo del server MEC, su cui è stata installata un’applicazione che opera come intermediario tra l’infrastruttura e le auto, permettendo così possibile un caso di pre utilizzo del 5G.

Verso la guida autonoma

“Il vantaggio dell’utilizzo della tecnologia C-V2X sulla rete mobile. legato al fatto che fornisce alle vetture informazioni addizionali in merito al contesto della viabilità, consentendo di utilizzare le infrastrutture esistenti senza necessità di specifici investimenti. Man mano che la rete si evolverà e le latenze si abbasseranno, la possibilità di utilizzo cresceranno fino alla guida cooperativa e alla guida autonoma”, ha dichiarato Mercedes Fernàndez, Responsabile per l’innovazione di Telefonica Spagna.

Esperienza di guida sempre più sicura

“La nostra azienda sta accelerando la sua trasformazione digitale e l’impegno per essere un riferimento nell’ambito dell’auto connessa”, ha affermato Fabian Simmer, Digital Offer SEAT. “Lo sviluppo di questi primi esempi di interazione dell’auto con la tecnologia pre 5G ci consente di fare un passo in avanti verso l’obiettivo di offrire ai clienti un’esperienza di guida migliore e sempre più sicura”.