Primo contatto

Honda CR-V Hybrid: prezzo e impressioni di guida

Debutta con un sistema innovativo la versione ibrida della nuova SUV Honda CR-V, nessun diesel in programma

di Francesco Neri -
COMFORT
Piuttosto silenziosa: il motore slitta e urla come con il “classico” cambio CVT. L’assetto è bilanciato, mentre il bagagliaio perde qualche litro per via delle batterie (da 561 litri a 497)
PIACERE DI GUIDA
Buona la risposta all’acceleratore, considerando il tipo di trasmissione (che in realtà non c’è). Il sistema ibrido Honda rende la guida fluida ma precisa, almeno finché sia accelera poco.
PREZZO E CONSUMI
Il prezzo è interessante e la dotazione di serie buona: si parte da 32.900 euro per la versione 2WD Comfort. Il consumo dichiarato è di 5,3 l/100 km (secondo il ciclo NEDC).

Quando ho provato la nuova Honda CR-V in Liguria, qualche mese fa, ho apprezzato molto le doti di quel piccolo 1.5 turbo V-TEC da 173 CV. Un motore elastico e fluido, ma non molto appetibile per l’italiano, almeno per quello che fa tanti chilometri. Se nessun diesel è in arrivo sulla CR-V, poi, questa versione ibrida diventa assolutamente interessante. L’ibrido oggi fa tendenza, gode di parecchi vantaggi nei centri abitati e garantisce un ottimo comfort di marcia.

L’IBRIDO SECONDO HONDA

La Honda CR-V Hybrid propone un propulsore ibrido innovativo e interessante che, a detta della Casa, diminuisce i consumi rispetto ad un “ibrido convenzionale” e rende la guida più dinamica. Questo perché non utilizza alcun tipo di trasmissione: oltre alla batteria, ci sono un motore termico 2.0 litri quattro cilindri, un generatore e un motore elettrico, collegati solamente da una frizione. La potenza totale è di 183 Cv, abbastanza per lanciarla da 0 a 100 km/h in 8,8 secondi (9,3 la versione 4WD) fino ai 180 km/h di velocità massima.
In questo modo, la potenza passa dal motore elettrico alle ruote con pochissime interferenze da parte del motore termico, che svolge più che altro la funzione di generatore di energia. È un’architettura semplice ma allo stesso tempo molto intelligente; infatti i consumi sono bassissimi: la Casa dichiara una media di 5,3 l/100 km, e in elettrico si possono percorrere svariati km (noi ne abbiamo fatti otto senza problemi).

AL VOLANTE DELLA CR-V

Al volante della Honda CR-V Hybrid, tutto questo si traduce in una guida molto diversa da quella “dallo slittamento facile” a cui ci ha abituato Toyota. Se si preme dolcemente (ma neanche troppo) l’acceleratore, l’auto schizza in avanti senza alcuna interferenza da parte della frizione. Nessun trascinamento o incertezza, solo una guida silenziosa e un motore reattivo. Solo quando si chiede il massimo della potenza il motore termico entra in azione in modo pesante, ma l’insonorizzazione molto curata attenua parecchio quel salire di giri fastidioso prodotto dallo slittamento.
Verrebbe quasi da dire è un’auto elettrica con un motore termico di rinforzo, ma in realtà i due propulsori lavorano in modo molto intelligente a seconda della situazione.
Due parole anche sull’assetto, una buona via di mezzo tra comfort e precisione di guida. Si sente il peso maggiore del propulsore ibrido, ma la Honda CR-V rimane agile e piacevole, merito anche di uno sterzo abbastanza accurato e dal giusto peso.

PREZZO E VERSIONI

I prezzi della Honda CR-V a due ruote motrici partono da 32.900 euro per la versione Comfort, che diventano 36.000 per la Elegance e 39.000 per la Lifestyle.
La versione 4WD invece parte dalla versione Elegance con un prezzo di 38.000 euro, che diventano 41.000 per la Lifestyle Navi e 44.500 euro per la Executive.
Di serie, fin dalla Comfort, troviamo l’Honda Sensing (il pacchetto sicurezza) che comprende: cruise control adattivo, sistema di mantenimento della corsia, frenata automatica con il riconoscimento dei pedoni e lettura della segnaletica stradale che modifica la velocità automaticamente.