Primo contatto

Nuova Toyota RAV4: al volante della quinta generazione

La SUV ibrida giapponese si rinnova completamente. Nuova piattaforma, nuovo motore e tanta tecnologia a bordo

di Junio Gulinelli -

La RAV4 di Toyota ha una lunga storia alle spalle. Così lunga da poterla considerare ormai un classico.

La prima generazione della Toyota RAV4, quella del 1994, compie infatti 25 anni. E Toyota stessa la definisce come la prima SUV della storia.

In tutta la sua carriera, fino alla quarta generazione, la RAV4 ha venduto a livello globale 9 milioni di pezzi, di cui 215 mila in Italia.

La nuova Toyota RAV4 2019 riunisce tutta l’esperienza del marchio accumulata negli anni nel segmento delle sport utility e delle ibride, proponendosi come prodotto più efficace, ampio, polivalente e soprattutto efficiente di prima.

Nuova piattaforma

La nuova Toyota RAV4, che esteticamente è rimasta molto fedele alla concept car che l’aveva anticipata, sfrutta la piattaforma TNGA GA-K, una versione allungata del pianale della C-HR, che le da un centro di gravità più basso (-15 cm), un chassis più rigido del 57% e un peso leggermente ridotto. Tra l’altro il passo aumentato di 30 mm, oltre a maggior spazio a bordo, implica sbalzi più corti che lasciano meno esposti l’anteriore e il posteriore nei percorsi off-road.

Feeling di guida migliorato

Effettivamente dopo quasi 300 km di prova, molti dei quali tra strade di montagna, la nuova SUV giap si dimostra molto migliorata dinamicamente. Il baricentro più basso si nota e lo sterzo è più preciso e diretto. Non va comunque idealizzata in questo senso, i chili (1.730 per la versione 4×4) si notano, così come i suoi 4 metri e sessanta di lunghezza. Nonostante questo, comunque, la guida tra le curve è piacevole, trasmette sicurezza e rolla poco.  La sua funzione principale, dopotutto e giustamente, è trasportare tutta la famiglia, con una bagagliaio spazioso da 580 litri (+79 litri). I volumi interni generosi e il comfort sono sicuramente i suoi punti forti. Tutte le sedute sono comode, compresa quella del guidatore e anche per i più alti, con tanto spazio per gambe, spalle e testa.

Hybrid 4.0. Consumi bassi e poche emissioni

Con la nuova Toyota RAV4 Hybrid 2019 debutta il nuovo motore a benzina da 2,5 litri a ciclo Atkinson che Toyota denomina Dynamic Force. Questa unità ha una potenza di 177 CV che, sommata a quella del motore elettrico (88 KW y 202 Nm), da un totale di 218 CV per la versione a trazione anteriore e 222 CV per la AWD-i.

La potenza non manca, gli oltre 200 CV si sentono tutti nonostante il peso, ma per avere un buon feeling con il cambio e-CVT bisogna prima capirlo. La trasmissione è gestita dalla centralina elettronica, la quale tiene conto del tipo di percorso, delle modalità di guida (ovvero della richiesta di potenza da parte del conducente, del fatto che si acceleri o si deceleri…) e dello stato di carica della batteria.

Per sfruttarlo a pieno, insomma, bisogna entrarci in sintonia, assecondarlo e non forzarlo. Finché si è dolci con il piede, infatti, ha un funzionamento estremamente fluido ma quando si pigia forte e gli si chiedono gli extra il 2.5 va subito su di giri e ci mette un po’ a tornare a regimi normali, tra l’altro rombando nell’abitacolo. Predilige, quindi, una guida rilassata. Take it easy.

Rispetto ai consumi e alle emissioni Toyota dichiara 102g/km di Co2 (ciclo NEDC) e una media di 4,4 o 4,5 litri/100km a seconda della trazione anteriore o posteriore. Di fatto dopo il nostro test drive con autostrada, misto e off-road, il computer di bordo segnalava 7,7 litri/100 km, 6,5l/100km con la versione a trazione anteriore.

Blog / Americanate

Toyota lancia un SUV finalmente maschile

Il nuovo Rav4 si distingue nettamente dalla concorrenza

Nuova anche la trazione integrale

Anche il sistema di trazione integrale della nuova Toyota RAV4 2019 è stato ottimizzato, con una distribuzione della coppia tra i due assi che può variare tra 100:0 e 20:80 con un incremento della coppia del 30% al posteriore. Inoltre è dotato di una nuova funzionalità “Trail”, per la guida su fondi a scarsa aderenza, che simula il blocco del differenziale. E poi ci sono comunque, di serie su tutte le versioni, le altre modalità di guida, Eco, Normal e Sport per una risposta più diretta e uno sterzo più corposo.

Sicurezza al top

Dal punto di vista della sicurezza la nuova Toyota RAV4 cresce grazie al pacchetto Toyota Safety Sense, che comprende un completo catalogo di sistemi di assistenza alla guida tra cui il cruise control adattivo, l’avviso di abbandono involontario della corsia e il mantenimento automatico della corsia, il riconoscimento della segnaletica stradale e il sistema di pre-collisione con rilevamento dei pedoni.

Allestimenti e prezzi

La nuova Toyota RAV4 viene proposta con tre allestimenti – Active, Style e Lounge – e i prezzi partono da 33.580 euro. Gli ordini so già aperti, le prime consegne per la 2WD sono previste entro fine mese, mentre per la AWD-i bisognerà aspettare il mese di aprile.

  • Toyota RAV4 2.5 HV (218CV) E-CVT 2WD Active: 33.580 euro
  • Toyota RAV4 2.5 HV (218CV) E-CVT 2WD Style: 37.480 euro
  • Toyota RAV4 2.5 HV (218CV) E-CVT  2WD  Lounge: 39.980 euro
  • Toyota RAV4 2.5 HV (222CV) E-CVT  AWD-i  Active: 36.080 euro
  • Toyota RAV4 2.5 HV (222CV) E-CVT  AWD-i  Style: 39.980 euro
  • Toyota RAV4 2.5 HV (222CV) E-CVT  AWD-i  Lounge: 42.480 euro