Prova su Strada

Nissan Qashqai con sistema ProPilot, il nostro test (VIDEO)

Provato sulla versione 1.6 dCi 130 CV 2WD automatica, si rivela intuitivo ed efficace in tutte le situazioni. E alza notevolmente il livello di sicurezza della vettura

di Francesco Irace -

Sin dal debutto nel 2007 la Nissan Qashqai ha ottenuto un grande successo nel segmento dei C-SUV. Ha interpretato in modo azzeccato la categoria di appartenenza, mostrando linee muscolose, design da crossover e ampia versatilità d’uso (con le due e le quattro ruote motrici), restando allo stesso tempo un’auto accessibile. Ad oggi si contano in Europa più di 2,3 milioni di esemplari venduti, di cui più di 300.000 in Italia. Alla seconda generazione del 2014 ha fatto seguito un restyling nel 2017 che ha affinato l’estetica e la dotazione tecnologica. Tra le dotazioni disponibili spicca oggi il nuovo sistema ProPilot, sistema di guida autonoma di livello due. Ed è di questo che vogliamo parlare in questa speciale video-prova su strada.

Nissan lancia la tecnologia ProPILOT su Qashqai. Cambia il rappo
Credits: Nissan lancia la tecnologia ProPILOT su Qashqai. Cambia il rapporto uomo-macchina con Nissan Intelligent Mobility

Il sistema ProPilot: le sue tre funzioni

Il sistema ProPilot è pensato per aumentare sicurezza e comfort alla guida. Non intende sostituire il pilota, ma aiutarlo a viaggiare in modo più sicuro. Come funziona? Si serve di una telecamera posta sul parabrezza e di un radar nascosto nella griglia frontale. E svolge tre funzioni. Intelligent Cruise Control: regola la velocità e mantiene la distanza dal veicolo che precede nella stessa corsia di marcia (tra i 30 e i circa 144 km/h). Lane Keep Assist: agisce sullo sterzo per aiutare a mantenere il veicolo al centro della corsia, anche in presenza di un veicolo che precede. Traffic Jam Pilot: permette di seguire la vettura che precede alla distanza stabilita, se necessario rallenta fino a fermarsi e poi riparte.

Nissan lancia la tecnologia ProPILOT su Qashqai. Cambia il rappo
Credits: Nissan lancia la tecnologia ProPILOT su Qashqai. Cambia il rapporto uomo-macchina con Nissan Intelligent Mobility

Costa tra i 600 e 1000 euro ed è disponibile di serie sulle versioni top di gamma

Il ProPilot si attiva premendo un tasto sul volante, come mostriamo nel nostro video. Quando le condizioni del traffico lo richiedono, il sistema fa rallentare la vettura fino ad arrestarla completamente e la fa ripartire in automatico se la sosta dura tre secondi o meno. Se dura di più, il conducente deve riattivarlo. Il sistema di riconoscimento delle strisce consente alla Qashqai di restare al centro della corsia autostradale prescelta. Nissan Qashqai con ProPilotdisponibile sulla motorizzazione 1.6 dCi 130 CV 2WD e 4WD manuale e 2WD automatico, a partire dall’allestimento N­Connecta e di serie sulle versioni top di gamma Tekna e Tekna+. Il suo costo varia tra i 600 e i 1000 euro in funzione dell’allestimento scelto e rappresenta un tassello del lungo percorso che porterà Nissan (e non solo Nissan) alla realizzazione di auto connesse e completamente autonome.

Nissan lancia la tecnologia ProPILOT su Qashqai. Cambia il rappo
Credits: Nissan lancia la tecnologia ProPILOT su Qashqai. Cambia il rapporto uomo-macchina con Nissan Intelligent Mobility
Prova su Strada

Nissan Qashqai DIG-T 163 Tekna+, il nostro test

La SUV di grande successo del marchio Nissan in versione benzina non è affatto da trascurare se non si percorrono molti km: è performante e se guidata "con cura" non consuma molto