Ginevra 2018: le foto dagli stand

Pininfarina H2 Speed: la supercar per la pista a idrogeno

Spinta da 4 motori elettrici alimentati da una batteria a idrogeno, per un totale di 662 CV

Presentata in veste di concept car al Salone di Ginevra 2016, la H2 Speed concept rappresentava la scommessa di Pininfarina per il segmento delle sportive. Dotata di motori elettrici alimentati da una pila a combustibile di idrogeno, questo prototipo si ispirava alla Sigma Formula One della decade degli anni sessanta.

In occasione dell’unveiling del prototipo di due anni fa, Silvio Pietro Angori, CEO di Pininfarina, aveva rivelato che il marchio italiano aveva il progetto di portare la H2 Speed in produzione con una serie limitata, creata in collaborazione con GreenGT e basata sul telaio in carbonio di una due posti della categoria LMP2.

Ora, in occasione dell’88esima edizione del Salone di Ginevra Pininfarina ha svelato il risultato finale di questo progetto che sarà destinato unicamente all’uso in pista e di cui ne verranno prodotte soltanto 12 unità.

A livello estetico la nuova H2 Speed di Pininfarina è praticamente identica alla concept carrista alla kermesse elvetica due edizioni fa. Le uniche differenze si trovano nella forma e nella posizione delle spese d’aria che troviamo nella parte superiore dell’abitacolo e davanti all’alettone posteriore.

IRmane uguale alla concept car anche los chema tecnico, con 4 motori elettrici alimentati da una cella compatta a combustibile di Idrogeno. Il risultato è una potenza totale di 662 CV che le permette di scattare da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi e di raggiungere la velocità massima di 300 km/h.