MotoGP

L’altro Aleix Espargaró: felice, lavoratore, esigente

È stato il rider catalano dell'Aprilia Racing Team Gresini a scegliere il titolo della sua intervista. Perché non parla solo di moto, tra una splendida novità (che lo aspetta a giugno), gli italiani (con cui lavora da sempre) e il fratello (rivale in pista)

di Cristina Marinoni -
Aleix Espargaró

“Credo di essere nella mia forma migliore e vorrei lottare per il podio. Certo, se poi arrivasse la prima vittoria, sarebbe fantastico”

Alla nona stagione nella MotoGP (la quindicesima nel Motomondiale), Aleix Espargaró è più carico che mai.

Il pilota catalano, classe 1989, corre per il secondo anno nell’Aprilia Racing Team Gresini: il suo obiettivo a lungo termine? “Concludere il campionato tra nella top ten” risponde senza esitare.

Oltre alla sua RS-GP, però, in questo periodo il fratellone di Pol, suo avversario in griglia di partenza (nella scuderia Red Bull KTM Factory Racing) ha altro in mente: “Sto per realizzare uno dei sogni che tengo nel cassetto da un po’: diventare padre. Mia moglie (Laura Montero, ndr) è in attesa di due gemelli. Nasceranno a giugno e io sono la felicità in persona” racconta.

Sei pronto a destreggiarti tra pappe e pannolini?

“Non vedo l’ora! Di sicuro i bambini mi rivoluzioneranno la vita, a partire dalla routine quotidiana, ma mi renderanno molto felice”.

Tua moglie ti ha sempre accompagnato nei circuiti: come vi organizzerete?

“Spero che mi raggiunga la famiglia al completo. Magari non per le solite 10 o più gare, però sono sicuro che Laura troverà il modo per seguirmi”.

Con tanti anni di carriera alle spalle dove trovi la motivazione per continuare?

“Semplice: sfido me stesso. Anche quest’anno punto a superarmi e a migliorarmi rispetto alla scorsa stagione”.

Hai mai pensato di appendere il casco al chiodo?

“Sì, ogni anno che passa valuto i pro e i contro. Per adesso vincono i pro: sono ancora abbastanza giovane per posticipare valutazioni del genere. Di sicuro non correrò fino a 40 anni: di Valentino Rossi ce n’è uno”.

Hai idea di cosa farai, poi?

“No, ma sicuramente starò nell’ambiente sportivo. E magari scriverò un’autobiografia: ho il pallino per la scrittura e la lettura”.

Vero: una volta mi avevi detto che, se non avessi sfondato come pilota, avresti provato a diventare giornalista sportivo.

“Sì, mi interessa molto scoprire chi è veramente la persona che sta dietro l’atleta. Non a caso divoro autobiografie e biografie”.

L’ultima?

“La biografia di Alejandro Valverde, il ciclista del Team Movistar. L’ho letta d’un fiato perché parla di ciclismo dalla prospettiva interna all’ambiente: sono appassionatissimo di questo sport”.

Un campione che ti piacerebbe intervistare?

“Lance Amstrong: vorrei sapere di più su quello che ha passato”.

Questa intervista come la intitoleresti?

“L’altro Aleix Espargaró”.

Come ti descriveresti in tre parole?

“Felice, mi piace stare bene e fare stare bene chi ho accanto. Lavoratore: sono un lottatore e mi alleno come un matto per tenere il peso leggero. Esigente: con me stesso e la squadra, per dare il massimo”.

A proposito di squadra, guidi una moto italiana, con tanto di livrea tricolore (disegnata da Aldo Drudi, ndr): pregi e difetti di fare parte di un gruppo italiano?

“Il lato positivo è che ci capiamo: siamo popoli simili di carattere e abbiamo sempre la battuta pronta. Quello negativo? Meglio non dirlo: devo trascorrere ancora molto tempo nel box!”.

Ti senti un po’ italiano, per qualche motivo?

“A tavola, per cominciare: vivo in mezzo gli italiani da una vita italiani ho imparato molto sulla cucina. Adoro pizza e pasta, peccato che la mia dieta ferrea mi costringa ad asseggiarle di rado”.

Il punto forte e il punto debole della RS-GP?

“La stabilità in frenata, il telaio nuovo, che distribuisce i pesi in modo differente, e la ciclistica sono eccellenti, mentre va perfezionata l’erogazione della potenza in accelerazione. In Qatar abbiamo fatto un passo avanti e confido di continuare così, gara dopo gara.

Il progetto è il più giovane della classe regina ed è in continua evoluzione: la versione 18 ha anche airbox, sospensioni, forcellone in carbonio e impianto di scarico inediti. Aprilia è il costruttore europeo che ha vinto più gare nel Motomondiale, 294: con una storia così prestigiosa è naturale che miti a tornare al top”.

Che rapporto hai con tuo fratello?

“Splendido: Pol è anche il mio migliore amico. Condividiamo tantissimo e ad Andorra, dove abitiamo, stiamo insieme praticamente tutto il giorno. Spesso pranziamo o ceniamo: a cucinare sono sempre io, però!”.

Nel paddock vi vedete?

“Di sfuggita, perché siamo concentrati sulla moto e sulla gara”.

Esiste l’amicizia tra piloti?

“Sì. Mi trovo bene con tutti e ho un rapporto più stretto con Maverick Viñales e Alex Rins, che abitano ad Andorra. Anche con Andrea Dovizioso c’era stata subito intesa, quando ero approdato alla MotoGP”.

Ti potrebbe interessare anche

Intervista a Pol Espargaró: “Passo alla KTM e mi sposo con Carlota (ma lei ancora non lo sa)”

MotoGP 2018, le foto più belle della Thailandia

MotoGP 2018, in Thailandia trionfa Marquez davanti al Dovi

MotoGP 2018, Thailandia: gli orari diretta TV di Sky e Tv8

MotoGP 2018, le foto più belle di Aragon

MotoGP 2018: Marquez si prende Aragon, Dovi secondo

MotoGP 2018, Aragon: gli orari diretta TV di Sky e Tv8

MotoGP 2018, Valentino Rossi punta al podio ad Aragon

Moto2, Romano Fenati scaricato dal suo team e da MV Agusta

MotoGP, Valentino Rossi a Sky: “Non capiamo cosa succede alla moto da un giorno all’altro”

MotoGP 2018, Dovizioso disegna il suo capolavoro a Misano

MotoGP 2018, Misano: gli orari diretta TV di Sky e Tv8

Valentino Rossi, un’altra occasione sprecata?

Marc Marquez: “Vorrei fare pace con Valentino”

MotoGP, la benedizione di Papa Francesco prima di Misano

MotoGP 2018, cancellata per “maltempo” la gara di Silverstone

MotoGP 2018, Silverstone: gli orari diretta TV di Sky e Tv8

MotoGP 2018, Valentino Rossi si prepara alla gara di Silverstone

MotoGP, Lorenzo vola nei test Ducati di Misano

Energica, Hoffmann prova la Ego Corsa in Austria

MotoGP 2018, in Austria trionfa un super Lorenzo