MotoGP

MotoGP 2018, tutti (o quasi) felici dei test di Sepang

Si sono chiusi positivamente i test ufficiali in Malesia

di Francesco Irace -
_dsc2678.middle

Vanno via tutti, o quasi, con un gran sorriso da Sepang. Il primo test ufficiale del 2018 della MotoGP si è rivelato positivo per i piloti, nonostante qualche perplessità nel box Yamaha per un Day 3 non perfetto. Ducati sembra aver fatto un grosso passo in avanti, regalando a Lorenzo una moto sempre più adatta al suo stile di guida.

“È un capolavoro”, ha detto il majorchino dopo aver stracciato il record della pista, ridimensionato se vogliamo – anche se il paragone è forzato – le performance di Stoner di qualche giorno fa (per le quali non sono mancati titoloni a tutta pagina). Resta solo un po’ più prudente nelle dichiarazioni, Andrea Dovizioso, che riconosce l’efficacia dell’upgrade fatto. Anche in Honda c’è ottimismo: Crutchlow e Pedrosa hanno girato forte, con Marquez che ha puntato sul passo e resta velocissimo. Vinales e Rossi erano al settimo cielo fino a quando nel terzo giorno, inspiegabilmente, le cose non sono andate come immaginavano: proveranno a capire nei test in Thailandia cosa è successo.

Nel complesso, però, restano positivi anche se l’idea che senza apparente motivo tecnico (a parità di moto, assetto, gomme, circuito) la moto possa offrire performance diverse da un giorno all’altro preoccupa un po’. Andrea Iannone sembra invece doversi guardare bene le spalle dal suo compagno di squadra Alex Rins, che sembra avere un ottimo feeling con la moto. E occhio anche a Jack Miller, la Ducati sembra piacergli sempre di più. Detto questo da qui a capire quali saranno gli equilibri di questo motomondiale ce ne passa. Intanto aspettiamo con ansia i prossimi test in Thailandia in programma tra due settimane circa.