MotoGP

Valentino Rossi rinnova con Yamaha: in MotoGP fino al 2020

È arrivata l'ufficialità del rinnovo del nove volte campione del mondo. "Sarà difficile essere competitivo, ma andare in moto è la cosa che mi fa star bene di più"

di Francesco Irace -
mymm__tin0005.gallery_full_top_fullscreen

La notizia era attesa, ma solo ora è arrivata l’ufficialità: Valentino Rossi ha rinnovato altri due anni in MotoGP con Yamaha. Il nove volte campione del mondo l’aveva fatto intendere già nelle scorse settimane, quando ha smentito categoricamente un impegno in MotoGP della sua VR46 (“perché correrò ancora io”, disse nelle interviste). In queste ore, alla vigilia del primo appuntamento della stagione 2018 è arrivato il comunicato ufficiale che ha, di fatto, messo fine alla telenovela. Rossi sarà ancora tra i protagonisti del motomondiale fino al 2020. .

“È la cosa che amo fare di più correre in MotoGP”

“Quando ho firmato il mio ultimo contratto con Yamaha, nel 2016, mi sono chiesto se sarebbe stato l’ultimo contratto come pilota della MotoGP. Ma quella decisione poi ho deciso di rimandarla. E in questi ultimi anni sono giunto alla conclusione che voglio continuare a correre guidando la mia M1, perché è la cosa che più mi fa sentire bene. Poi avere l’opportunità di lavorare con la mia squadra, con Silvano, Matteo e tutti i miei meccanici e gli ingegneri giapponesi è un vero piacere. Ringrazio Yamaha per la loro fiducia in me, perché chiaramente non è una sfida semplice. Essere competitivi fino a 40 sarà difficile e richiede molto sforzo da parte mia, la la motivazione non mi manca”, ha dichiarato Valentino Rossi.