Personaggi

Ferdinando Innocenti: tubi, scooter e auto

La storia di uno degli imprenditori italiani più importanti del XX secolo

Ferdinando Innocenti

Ferdinando Innocenti è stato uno degli imprenditori italiani più importanti del XX secolo: il sistema di raccordo tubi che porta il suo nome è ancora oggi usato sulle impalcature e la sua azienda ha commercializzato due mezzi molto amati nel nostro Paese (lo scooter Lambretta e la Mini inglese prodotta su licenza). Scopriamo insieme la storia di quest’uomo.

Ferdinando Innocenti: la biografia

Ferdinando Innocenti nasce l’1 settembre 1891 a Pescia (Pistoia) e all’inizio del XX secolo si trasferisce con la famiglia a Grosseto per seguire il padre fabbro che decide di avviare un negozio di ferramenta.

A 18 anni Ferdinando prende in mano le redini dell’azienda e impiega pochissimo tempo ad ampliarla: acquista rottami di ferro e li scambia con olio lubrificante, più facile da rivendere.

Il trasferimento a Roma

All’inizio degli anni ’20 Ferdinando Innocenti si ritrova con parecchi soldi, li deposita nella Banca Italiana di sconto e li perde quasi tutti in seguito al fallimento dell’istituto di credito. Due anni più tardi decide di spostarsi a Roma e nella Capitale apre un magazzino per la vendita di tubi senza saldatura prodotti dalla Dalmine.

Nel 1926 apre un’officina per la lavorazione dei tubi e per tutta la seconda metà del decennio (e per la prima metà degli anni ’30) stipula numerosi accordi commerciali con la Dalmine e studia nuove applicazioni per queste parti metalliche.

Grazie ai contatti con il Vaticano Ferdinando Innocenti realizza numerosi lavori per il Papa: un impianto di irrigazione a pioggia per i giardini della villa di Castel Gandolfo (1931) e per i Giardini Vaticani (1932) e – nel 1934 – una centrale termoelettrica e gli impianti antiincendio della Cappella Sistina. Non sono da sottovalutare, inoltre, i contratti stipulati in quel periodo per l’ampliamento della capienza degli stadi in vista dei Mondiali di calcio del 1934.

Lo spostamento a Milano

Innocenti si trasferisce a Milano già nel 1931 e nel 1933 – anno in cui crea il ponteggio tubolare (nato per rimpiazzare le poco sicure impalcature in legno usate fino ad allora) che porta il suo nome e che ancora oggi è utilizzato nell’edilizia – apre uno stabilimento nel capoluogo lombardo (più precisamente nel quartiere di Lambrate) per la realizzazione di queste componenti.

È solo nel 1934, tuttavia, che inizia a concentrare la propria attività nel Nord Italia. Grazie alle forniture militari (tubi per le carpenterie per capannoni, proiettili e corpi di granate) e a due eventi bellici come l’invasione dell’Etiopia (1935) e l’intervento in Spagna (1936) la società di Ferdinando Innocenti (che nel frattempo è diventata grande azionista della Dalmine e assorbe il 35% della produzione di questa società) cresce esponenzialmente.

La Seconda Guerra Mondiale

Nel 1939 Ferdinando viene nominato Cavaliere del Lavoro e nello stesso anno prende il via l’attività della SAFTA (Società anonima fabbricazione tubolari acciaio) con capitale di maggioranza alla Innocenti e di minoranza alla Dalmine e inizia la realizzazione dello stabilimento di Apuania (l’attuale zona di Massa e Carrara).

Due anni più tardi Ferdinando Innocenti prende la decisione di costruire tubi in proprio e non più per la Dalmine e nel 1942 lo stabilimento toscano viene completato ma smantellato e portato all’estero dopo pochi mesi dai tedeschi. Dopo l’8 settembre 1943, intuendo la fine del fascismo, Innocenti inizia a collaborare con gli Alleati e a finanziare la Resistenza ed è per questa ragione che una volta terminato il conflitto riesce a tornare in possesso delle sue fabbriche.

Il dopoguerra

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale Ferdinando decide di diversificare la produzione e nel 1947 mette in commercio lo scooter Lambretta. L’anno seguente cede alla Dalmine il pacchetto azionario della SAFTA e in cambio ottiene numerosi titoli dell’azienda lombarda e viene nominato amministratore delegato della società.

L’esperienza di Ferdinando Innocenti ai vertici di questa impresa dura pochi mesi: viene accusato di aver fatto fortuna a spese proprio della Dalmine e cerca, senza successo, di trasferire la società a Milano e di concentrare la produzione sui tubi saldati più grandi (destinati ai pozzi petroliferi).

Gli anni ’50 e ’60

Nel 1950 Innocenti si dimette dalla Dalmine e ristruttura lo stabilimento di Lambrate, tre anni più tardi riceve la laurea honoris causa in ingegneria e nel 1955 gli viene commissionata la costruzione di una fabbrica in Venezuela.

Il boom economico nel nostro Paese porta gli italiani a passare dalle due alle quattro ruote e nel 1960 Ferdinando Innocenti – pur non essendo molto convinto di entrare nel mondo delle auto e fare concorrenza alla Fiat – viene spinto dal figlio Luigi ad impegnarsi in questo settore. La prima vettura costruita – la A40 – non è altro che la britannica Austin A40 prodotta su licenza nel nostro Paese.

Poco dopo vede la luce la Innocenti 950 Spider – meccanica Austin-Healey Sprite e carrozzeria Ghia disegnata da Tom Tjaarda – mentre risale al 1965 l’inizio dell’assemblaggio su licenza delle Mini britanniche. Quelle “made in Lambrate” sono meglio rifinite, presentano alcune componenti realizzate in Italia e montano il servofreno di serie (a differenza delle sorelle inglesi) su tutte le versioni Cooper.

Ferdinando Innocenti scompare il 21 giugno 1966 a Varese.

Auto d'epoca

Nasce il Registro Storico Innocenti

Il primo sodalizio dedicato alle vetture del marchio milanese si propone di riunire tutti gli appassionati

Personaggi italiani

Ugo Gobbato, il padre dell’industria italiana

Ugo Zagato, il padre dell’aerodinamica

Enrico Teodoro Pigozzi, l’italiano di Francia

Cesare Romiti: meno auto e più finanza

Nicola Romeo, il salvatore dell’Alfa